In a New Light 3

Per Fabulamundi Playwriting Europe otto drammaturghi europei discutono del teatro durante e dopo la pandemia

 

TIPOLOGIA APPUNTAMENTO: incontro
AMBITO TEMATICO: teatro
BREVE DESCRIZIONE DELL’EVENTO
CAST ARTISTICO/RELATORI INCONTRI/OSPITI/CURATORI/DOCENTI: cfr singoli appuntamenti
PUBBLICO DI RIFERIMENTO: adulti
MODALITÀ DI ACCESSO: gratuito 
FRUIBILE SOLO ONLINE: canale fb @PAVsnc e sul sito www.fabulamundi.eu e www.pav-it.eu

 

Chi sei? La domanda più semplice ma pur sempre la più difficile. È da qui che vogliamo ricominciare, dalle voci dei nostri artisti, facendoli risuonare di nuovo dopo un lungo silenzio.

In questa nuova serie di In a New Light, Fabulamundi invita otto drammaturghi del suo network per brevi conversazioni sulle loro storie umane e professionali, in un continuo sradicamento tra dimensione pubblica e privata, incrociando vocazioni e percorsi, opere e identità, esperienze e ambizioni, le sceneggiature che hanno già scritto e quelle che vorrebbero scrivere.

Questi filmati, registrati dai partecipanti e montati da Laura Matarasso, riflettono incertezze, paure e speranze condivise. I loro limiti tecnici definiscono questo nostro tempo in cui, nel bene e nel male, internet ci connette a distanza finché non potremo ancora una volta riunirci facilmente faccia a faccia, per parlare e stare di nuovo insieme.

Il calendario e i protagonisti delle videointerviste 

 

3 novembre | 14.30

Đorđe Kosić

(Belgrado, Serbia, 1996)

Laureato in Drammaturgia presso la Facoltà di Arti Drammatiche di Belgrado. Il più giovane vincitore del Premio Sterija per il miglior testo drammatico, per il dramma Lullaby For Aleksija Rajčić, che si concentra tematicamente sull’uguaglianza di genere e sui diritti delle donne attraverso la decostruzione del folklore serbo. Uno dei creatori del gruppo creativo “Pointless Films” e un regolare drammaturgo dell’Angažman fest, il festival del teatro socialmente impegnato per i giovani. Lavora come drammaturgo, sceneggiatore e drammaturgo freelance. Attualmente di stanza a Zagabria per i suoi studi MA.

 

10 novembre |  14.30

Amir Gudarzi

Amir Gudarzi è nato in Iran nel 1986 durante la guerra Iran-Iraq. In seguito si è diplomato all’unica scuola di teatro del paese in quel momento e ha studiato scrittura scenica a Teheran. A causa della censura, le sue commedie venivano mostrate solo in circoli privati. Inoltre, ha scritto sceneggiature per serie TV e lungometraggi. Dal 2009, Gudarzi ha vissuto in esilio involontario a Vienna, in Austria, dove ha studiato teatro, cinema e media. Nel 2017 ha vinto l’exil-DramatikerInnenpreis per la sua commedia Between Us and Them Lies … Nel 2018 è stato nominato per la borsa di studio austriaca Hans-Gratzer dello Schauspielhaus Wien, la sua opera Arash//Heimkehrer è stata presentata in anteprima a Vienna e la sua performance The Knowledge Tree è stata mostrato a Gerusalemme. Nel 2019 l’opera teatrale di Gudarzi Il castello degli assassini è stata invitata allo Stückemarkt di Berlino. Nel 2020 Jelly man – The Future in between my Fingers è stato presentato in anteprima a Vienna e il suo pezzo Who cut the cake è stato mostrato al Royal Court Theatre di Londra come parte del progetto Living Newspaper. Gudarzi è nominato per il Premio Retzhofer austriaco per il dramma 2021 con la sua opera Wonderwomb e ha ricevuto numerose borse di studio per il teatro e la letteratura, tra cui 2018-2020 dalla Cancelleria austriaca e 2020/2021 dal Literary Colloquium di Berlino. Amir Gudarzi vive a Vienna e sta lavorando al suo romanzo d’esordio.

 

17 novembre |  14.30

Tanja Šljivar

Tanja Šljivar è nata a Banjaluka, SFR Jugoslavia nel 1988. Ha conseguito la laurea triennale e magistrale in drammaturgia presso la Facoltà di arti drammatiche di Belgrado. Ha scritto drammi integrali Quanto costa Pate?, Graffiare o Come mia nonna si è suicidata, Siamo quelli di cui i nostri genitori ci hanno messo in guardia, Ma la città mi ha protetto, Tutte le donne avventurose fanno e fanno brevi recite Stillborn, che sono state pubblicate, pubblicamente letto e prodotto in teatri professionali in Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Serbia, Albania, Spagna, Polonia, Austria, Germania. Scrive anche racconti, radiodrammi, sceneggiature per cortometraggi e testi di teoria teatrale. Ha vinto diversi premi per la sua drammaturgia, più recentemente il prestigioso premio Sterija per la migliore opera teatrale contemporanea in Serbia, il premio di coproduzione di mercato MESS per All adveturous women do in Bosnia, così come la nomination per il Retzhoferdramapreis 2017 per lo stesso spettacolo, In Austria. Le sue opere sono state tradotte in circa 10 lingue. È stata ospite di residenze di scrittura IHAG a Graz, Austria, Museums Quartier 21 a Vienna, Austria, e Prishtina non ha fiume a Prishtina, Kosovo. Attualmente sta frequentando il corso di laurea magistrale in Scienze teatrali applicate a Giessen, Germania.

 

24 novembre |  14.30

Nalini Vidoolah Mootoosamy

Nalini Vidoolah Mootoosamy è nata a Mauritius nel 1979. Nel 1990 è immigrata in Italia. Ha conseguito un dottorato di ricerca in Studi francesi presso l’Università degli Studi di Milano, dove attualmente insegna Letteratura e cultura francese. In ambito teatrale si è formata e specializzata nella scrittura drammaturgica frequentando laboratori e stage con Gabriele Vacis, Vitaliano Trevisan, Carlos Maria Alsina, Renato Gabrielli, Lucilla Giagnoni, Claudio Tolcachir e Naira Gonzalez. Da due anni collabora al progetto “Teatro Utile” dell’Accademia dei Filodrammatici, lavorando sul tema delle migrazioni e della seconda generazione. Nel 2018 ha fondato l’Ananke Arts Association, che organizza progetti di formazione teatrale ed eventi performativi su temi contemporanei. Come drammaturga ha lavorato alle commedie Elogio della fuga” (2017) ed Elogio della lentezza (2018). Dal 2018 conduce la scrittura autobiografica per laboratori teatrali rivolti a stranieri, richiedenti asilo e adulti.

 

1 dicembre |  14.30

Anna Saavedra

Classe 1994, drammaturga e drammatur. È nata sulla costa baltica da una famiglia ceco-cilena, si è laureata in drammaturgia teatrale presso l’Accademia delle arti dello spettacolo Janáček a Brno. Nel 2011-2015 ha lavorato come drammaturga e autrice residenziale di HaDivadlo a Brno. È autrice delle commedie The House of Seven Cockroaches (libro 2010), A Secret Message from the Planet of Mothers (interpretato al festival Ein StückTschechien di Berlino nel 2014 e alla Portland State University negli USA), Smokers and Saviors, Dealers of Physical Love, Bikini Blues, (Václav Havel Is Not at Home – Solo for the First Lady) – tradotto in francese, messo in scena come bozzetto scenico al 1° festival del teatro ceco in Francia (Fais un saut à Prague), adattamenti (Jane Eyre/Thorn Field, Eve, Eve!/Gazdina roba, Hedda Gabler – The Teory of Adulthood, The House of Bernarda Alba, Pride and Prejudice). È impegnata in progetti di teatro nell’azione sociale, storie femminili distintive, temi femminili e distruzione degli stereotipi sociali. Anna Saavedra ha ricevuto l’Evald Schorm Award per il terzo (2010, La casa dei sette scarafaggi) e il primo posto (2011, Fumatori e salvatori) nel concorso per gli studenti della scuola di teatro. Nel 2013, il suo racconto Ley lines è stato premiato al concorso letterario internazionale Narraton V4 tournée. Nel 2017 ha ricevuto il Premio della critica di teatro nella categoria Miglior spettacolo teatrale ceco messo in scena per la prima volta 2016 per il suo spettacolo (Václav Havel non è a casa – Solo per la First Lady).

 

15 dicembre | ore 14.30

Bogdan Theodor Olteanu

Bogdan Theodor Olteanu ha scritto e diretto diversi cortometraggi, due lungometraggi e quattro spettacoli teatrali. Ha abbandonato la scuola poco dopo i 18 anni e ha seguito un percorso contorto verso la regia. È stato giocatore di rugby in un top club in Romania, giornalista d’inchiesta per un importante quotidiano, consulente di marketing sportivo, consulente di comunicazione politica. Ha scritto racconti ed è stato membro fondatore di una rivista di cultura online – SUB25. Il suo lavoro nel cinema e nel teatro si occupa del panorama in continua evoluzione della gioventù urbana. Osserva generazioni di giovani in cerca di identità, intrappolati tra valori libertari estremi, traumi post-comunisti e un background balcanico. Nato e cresciuto a Bucarest, Bogdan ha ambientato tutte le sue storie in quella città, capitale del paese e crogiolo di influenze slave, orientali e dell’Europa occidentale. Il suo lungometraggio d’esordio, Diverse conversazioni su una ragazza molto alta, ha avuto 4 nomination ai GOPO – Romanian Film Industry Awards – Miglior Debutto, Miglior Interpretazione di un’Attrice Protagonista (sia Silvana Mihai che Florentina Năstase) e Young Hope (Tudor D . Popescu, editore). Dopo essere stato mostrato in diversi festival in tutto il mondo, è stato acquistato da HBO e Netflix. Il secondo lungometraggio, Mia miss her revenge, è stato appena presentato in anteprima all’IFF di Varsavia ed è proiettato nei festival di tutto il mondo. Le sue prime due commedie Hottest Day of the Year e Taxi Drivers sono state selezionate in alcuni dei più importanti festival teatrali in Romania.

 

20 dicembre | ore 14.30

Anne Jelena Schulte

Anne Jelena Schulte è nata a Berlino, dove ora vive. Ha studiato scrittura drammatica all’UdK di Berlino. Lavora spesso su commissione, scrivendo opere teatrali su temi scelti insieme al teatro. I suoi lavori più importanti degli ultimi anni sono stati THE HOFMEISTER/GIVE ME YOUR LOVE (serie di drammi di strada per il Maxim Gorki Theater Berlin, diretto da Peter Kastenmüller) nel 2011, e WORRINGER SCHLACHTEN (Schauspielhaus Düsseldorf, diretto da Nurkan Erpulat) e SOFJA (un’opera teatrale sulla matematica russa Sofja Kowalewskaja, Deutsches Theater Göttingen, diretta da Antje Thoms) nel 2013. Ha scritto due opere teatrali per il Deutsches Theater Berlin: ZUR NOT NE STULLE WENIGER del 2014 (storie della classe operaia di Prenzlauer Berg, diretto da Antje Thoms) e WODKA-KÄFER nel 2015 (dopo “Berliner Mietshaus” di Irina Liebmann, regia di Brit Bartkowiak). Lavora per la sezione “Nachrufe” del quotidiano berlinese Tagesspiegel, che pubblica biografie di sconosciuti berlinesi.

 

 22 dicembre | ore 14.30

Denise Duncan

Regista teatrale, drammaturga, insegnante.

Ha vinto premi come il secondo premio per il Premio Marqués de Bradomín per Negra, o nocturnal de una piel inoculada por el odio nuestro de cada día (Injuve 2006) e il Premio Ciutat de Manacor Jaume Vidal Alcover Theatre per Negrata de merda (Mon de Llibres, 2018). È stata autrice del 7° Laboratorio di scrittura teatrale della Fondazione SGAE per Banzo, el aliento de las ancestras e drammaturga residente presso la Sala Beckett per la stagione 2019-2020 con lo spettacolo The Fight of the Century. È membro fondatore de La Pulpe Teatro e del Collectiu Tinta Negra. Tra le sue anteprime teatrali, i momenti salienti hanno incluso The Fight of the Century (runner-up per i premi della critica e candidata ai Max Awards per il miglior spettacolo 2020-2021), Negrata de merda (candidato ai Max Awards come miglior spettacolo 2019-2020; nominato come Best Play e Best Small-format Play ai premi TeatreBarcelona.com), Pantalones cortos, Mamita Yunai, Una dona en el mirall, La Taverna dels Bufons, COCA, Absentee, Vaig a comprar una muntanya, basato su testi di Joan Brossa, e Está linda la mar (2012), vincitore del Best Show alla Mostra de Barcelona 2012, tra gli altri. Lavora come sceneggiatrice freelance per il produttore costaricano Fulfierros e come consulente freelance sui social network, e revisore della reputazione online e nella creazione e curatela di contenuti. Lavora anche al programma Señoras Freedom, come volontaria presso il carcere femminile di Barcellona Wad Ras (2020-), ed è insegnante di drammaturgia. È relatrice di conferenze su questioni come la razza, il razzismo e il trattamento della diversità etnica nella narrativa. Duncan si è laureata al Postgraduate Program in Social Media Content: Community Manager e Content Curation (2017). Ha conseguito un Master in Studi teatrali e audiovisivi presso l’Università di La Coruña (2004). Ha una laurea in regia e drammaturgia presso l’Institut del Teatre, Barcellona (2012). Si è anche laureata in Arti Drammatiche (2004) e ha conseguito una laurea in Comunicazione collettiva con specializzazione in giornalismo presso l’Università del Costa Rica (2004).

https://youtu.be/kgEcM_29cWI