Diario del tempo

L'epopea quotidiana

scritto e diretto da Lucia Calamaro
con (in ordine di apparizione) Federica Santoro, Roberto Rustioni, Lucia Calamaro
disegno luci Gianni Staropoli
realizzazione pittorica Marina Haas
realizzazione scenica Barbara Bessi
assistente alla regia Elisa Di Francesco
direttore tecnico Andrea Berselli
ufficio stampa Roberta Rem, Amelia Realino
foto di Alessandro Carpentieri

produzione Teatro Stabile dell’Umbria – Teatro di Roma
in collaborazione con PAV e Rialto Sant’Ambrogio
e con la partecipazione del Teatro Franco Parenti
si ringraziano Daniela Piperno, Davide Grillo, Alessandra Cristiani, Teatro Mengoni di Magione

Lucia Calamaro - Diario del tempo

Note di regia di Lucia Calamaro:

FORMA
Diario del tempo, il nome lo svela, è un continuum mentale che, occasionalmente, qui si mette in scena e si avvicenda e che per chi guarda comincia qui, ma che per me non finisce mai. La scrittura si interrompe perché il tempo scenico ha i suoi limiti anche se tutto potrebbe continuare.
La possibilità di una storia parlata. Questo mi interessa. Perché è nella continuità, anche minima, che si riesce ad abbozzare un racconto del presente.
È un affresco, ha quel suo carattere diluito. La parola la fa da azione e da relazione.
Somiglia a una concertazione di voci, i personaggi sono come non mai “lalangue”.

FONDO
C’è un punto di vista a priori che inquadra i soggetti protagonisti rispetto al loro essere “DISOCCUPATI” – nell’accezione comune tecnico-lavorativa – e ne analizza la consequenziale posizione metafisica rispetto al mondo. Una posizione isolata, slacciata, senza contesto, difficile da abitare .Forzatamente riflessiva. Assediata da un tempo che rallenta, che bisogna lasciar passare, lasciar perdere e sistematicamente occupare a forza di volontà. Un’umanità in fondo forte, cocciuta, incaponita, intelligente ma che non ha un lavoro, e la cui abilità maggiore, a partire da un certo momento, consisterà nell’occuparsi le giornate. Per non impazzire. Per non perdersi del tutto. Per continuare ad esistere nonostante il FUORI cerchi sistematicamente di cancellarla.

LUOGO
Un palazzo romano qualsiasi, con l’estensione inevitabile al suo pratone specifico, in questo caso Caffarella, e alla sua stazione piu vicina, Ostiense.

PERSONAGGI
La disoccupata cronica (Federica Santoro), l’impiegato obbligato al part time (Roberto Rustioni), la supplente di ginnastica a vocazione laico-intellettuale (Lucia Calamaro).

Lucia Calamaro - Diario del tempo